Back
Giuseppe Capotondi

Poco più che ventenne, Giuseppe si trasferisce a Londra dove la sua vocazione a catturare immagini si concretizza dapprima nell’attività di fotografo, collaborando con alcune delle più importanti testate internazionali, e poi come regista di music video di artisti del calibro degli Skunk Anansie, Natalie Imbruglia, i Keane (per citarne solo alcuni). Un percorso ricco di sfaccettature che gli permette di affermarsi nel panorama pubblicitario e di sperimentare anche la serialità di altissimo profilo sia nazionale (dirige gli ultimi quattro episodi di Suburra – La serie) sia internazionale (è infatti alla regia di quattro episodi di Berlin Station, serie televisiva targata USA). Il suo tocco unico, autoriale, è riconoscibile dalla cura dei dettagli, dalla precisione della direzione artistica e soprattutto dalla maestria nella direzione degli attori: la sua vocazione da storyteller rende i suoi lavori dei ritratti intimi che riescono a cogliere l’anima dei protagonisti e, di riflesso, trafiggere lo sguardo dello spettatore. Così come accade per il suo primo lungometraggio, La doppia ora, presentato in concorso alla 66ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia.

More works by Giuseppe Capotondi: